L’economia circolare nella gestione degli eventi

Cosa significa economia circolare e come si lega al mondo degli eventi?
L’economia circolare è un modello economico e sociale che ha l’obiettivo di minimizzare gli sprechi nei processi produttivi e di consumo per ridurre l’impatto ambientale ed energetico delle attività umane. Tutti gli eventi di carattere fieristico/espositivo si collocano nella fascia di attività che hanno normalmente un forte impatto ambientale. La concentrazione di masse di persone per brevi periodi, gli allestimenti e l’uso di materiale di consumo impattante, i trasporti, la gestione di energie e la produzione e distribuzione di materiali (cibo, carta etc..): tutto ciò può avere un effetto pesante nella produzione di CO2 e di rifiuti. Un approccio da economia circolare in questi casi ha l’obiettivo di organizzare i processi per far diventare questi eventi sempre più sostenibili e meno impattanti.


In Piemonte sono nate significative esperienze di economia circolare che possono essere un esempio virtuoso; ce ne può parlare?

Un esempio importante ed anche una grande palestra di ricerca ed innovazione è stata negli ultimi 10/15 anni l’organizzazione dell’evento Terra Madre/Salone del Gusto che Slow Food organizza ogni 2 anni a Torino. Con l’aiuto ed il coordinamento scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo si è avviato (in particolare nelle ultime 6 edizioni) un progetto per rendere l’evento sempre più sostenibile, con l’obiettivo di arrivare all’impatto zero. Una manifestazione che attira in 4 giorni più di 200mila persone può avere, se lasciato senza controllo, un impatto molto pesante sul territorio. Un approccio olistico ha portato, nel tempo, a migliorare gli allestimenti (riducendo la platica a favore del legno), ad una gestione innovativa della cartellonistica, all’utilizzo di energie rinnovabili, alla riduzione dello spreco alimentare e ad una gestione attenta di mono-uso compostabile.

Due temi, soprattutto, sono quindi decisivi: i rifiuti e la loro gestione e gli allestimenti…
Sì, e in entrambi i casi l’approccio dell’economia circolare è la caratteristica fondamentale per la riduzione degli impatti. Utilizzare i pallet per gli allestimenti con la scelta di ricollocarli presso delle aziende a fine manifestazione e seguire la filiera dei rifiuti differenziati per garantirne e certificarne il riutilizzo sono, appunto, gli elementi centrali di un progetto di sostenibilità circolare. In questo campo ci sono oggi diverse ed interessanti esperienze di riuso e riciclo che possono validamente sostenere progetti innovativi legati agli eventi. Mi riferisco, per esempio, al riuso e rigenerazione di container che possono diventare stand espositivi: da un lato si recupera uno scarto e dall’altro si offre una soluzione di allestimento interessante. Questo progetto è stato avviato da alcune società tra cui DIMENSIONIA3 e rappresenta un valido modello soprattutto per manifestazioni che si svolgono all’aperto.

Newsletter

Rimani aggiornato su tutte le attività di Dimensioni A3

Iscriviti

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Approfondisci.